The Illuminator: arte e attivismo politico

L’ultima opera di The Illuminator, un collettivo di artisti/attivisti di New York noto per le sue proiezioni di luce cariche di significati politici, è un’immagine di Anita HillChristine Blasey Ford, che circa due settimane fa ha rilasciato una testimonianza straziante in occasione delle udienze di conferma per il giudice designato dalla Corte Suprema degli Stati Uniti, Brett Kavanaugh, descrivendo i suoi presunti tentativi di violentarla a una festa di scuola superiore nel 1982.

Sul sito del collettivo è possibile anche trovare una guida su come realizzare queste proiezioni (nel caso interessasse a qualcuno…)

Raccontare l’odio senza amplificarlo

Trovo molto efficace questa vignetta di Matt Wuerker per Politico.

Come si fa a raccontare l’odio senza amplificarlo?

Segnalo a questo proposito un articolo pubblicato da Joan Donovan e danah boyd su The Guardian che si intitola The case for quarantining extremist ideas. L’articolo fa riferimento – nello specifico – a come è possibile applicare il concetto di silenzio strategico e cita l’esempio del rapporto tra i media e il KKK negli Stati Uniti degli anni Venti.

(Foto h/t Valigia Blu)