Raccontare l’odio senza amplificarlo

Trovo molto efficace questa vignetta di Matt Wuerker per Politico.

Come si fa a raccontare l’odio senza amplificarlo?

Segnalo a questo proposito un articolo pubblicato da Joan Donovan e danah boyd su The Guardian che si intitola The case for quarantining extremist ideas. L’articolo fa riferimento – nello specifico – a come è possibile applicare il concetto di silenzio strategico e cita l’esempio del rapporto tra i media e il KKK negli Stati Uniti degli anni Venti.

(Foto h/t Valigia Blu)