Sono in grado di fare il pane

Sono tornata a casa con un canovaccio pieno di pagnotte appena sfornate (quelle nella foto che accompagna questo post). La cosa che mi rende più felice in assoluto è che sono commestibili.

In occasione di questa prima lezione abbiamo preparato la focaccia ai semi, la ciabatta, i grissini alla curcuma, il pane pugliese e i panini all’olio. Abbiamo dovuto lavorare con gli impasti non lievitati al 100% perché in tre ore non si poteva fare di più.

La prossima settimana ci cimenteremo con altre preparazioni e non vedo l’ora di rimettermi al lavoro.

Il corso gratuito sui supereroi e la cultura pop a cura di Stan Lee

Stan Lee ci ha lasciati qualche giorno fa ma i prodotti della sua fantasia continuano e continueranno ad animare la nostra. Ho scoperto ieri che è possibile frequentare un corso curato dall’artista su questa piattaforma di e-learning. Si intitola: The Rise of Superheroes and Their Impact On Pop Culture e – nonostante la scomparsa dell’artista – sarà disponibile anche in futuro negli archivi di EdX.

Mani in pasta

Sogno, un giorno, di trasferirmi in campagna in una fattoria (in fondo è un ritorno alle mie vere origini). Al centro di questa immagine bucolica c’è, nella mia testa, un gigantesco forno a legna dal quale fuoriescono focacce, sfilatini, panini e pizze fumanti.

Così mi sono detta: perché aspettare? Meglio mettere fin da subito le mani in pasta e apprendere i segreti della panificazione il prima possibile. Quindi mi sono iscritta a un corso per imparare a fare il pane. Ecco il programma:

Prima Lezione

  • Ciabatta
  • Pane pugliese
  • Pane comune di grano tenero
  • Grissini ai ceci e curcuma
  • Pan focaccia integrali con semi misti

Seconda Lezione

  • Pane alla canapa e noci
  • Veneziana o sormontè
  • Pane in cassetta
  • Panini dolci con gocce di cioccolato
  • Baguette

Una mia cara amica, Marina, mi ha detto una cosa molto saggia: non c’è niente di più bello di una casa che profuma di pane appena sfornato. E questo è esattamente ciò di cui ho bisogno in questo momento.

Dovesse scoppiare la terza guerra mondiale, almeno potrò rendermi utile in assenza di WiFi.

Crescere con l’Ayurveda

L’Ayurveda (che tradotto significa scienza della vita) è una delle mie passioni più recenti. Da un anno frequento un corso biennale di operatore ayurvedico e sto imparando – oltre agli aspetti teorici – una serie di tecniche di massaggio piuttosto complesse che richiedono una buona manualità e tanta pratica.

Non ho ancora avuto modo di parlarne su questo blog (a parte la volta in cui ho menzionato il concetto di Agni), quindi mi riprometto di approfondire questo tema più avanti. Per ora posso dire che lo studio di questa disciplina mi ha portata a raggiungere maggiore consapevolezza rispetto a ciò che immetto nel mio corpo (parlo di cibo ma anche di pensieri), oltre a farmi scoprire un nuovo tipo di contatto umano.

Quello nell’immagine in alto è Dhanvantari, il dio hindu della medicina: nei Purāṇa è indicato come il fondatore dell’Ayurveda.