Prima del principio

Riprendo in mano questo blog dopo un periodo un po’ particolare. Questo iato non è stato frutto di pigrizia bensì di una serie di riflessioni che ho fatto proprio in queste settimane di distanziamento sociale.

Confesso che fin dal principio ho adottato un approccio di comodo nei confronti della scelta dei temi da trattare in questo spazio, parlando un po’ di tutto ma senza approfondire mai nulla: la soluzione ideale per chi vuole celare abilmente una parte di sé per proteggerla o anche solo per timidezza, evitando di esporsi al giudizio altrui.

Molte persone mi conoscono solo per alcuni aspetti della mia vita e della mia personalità (per esempio, il lavoro) e quasi certamente si sono fatte un’idea di me che si basa sui pochi elementi visibili a tutti.

Ma io non sono solo questo e non ho solo questa faccia: per dirla con la geometria solida, sono un poliedro anziché una figura piana ed è arrivato il momento di mostrare qualcosa di più complesso.

Continuerò sicuramente a parlare dei temi più svariati (in fondo sono un persona molto curiosa e ci sta) ma su questo blog troverai anche qualcosa di più personale; qualcosa che racconterà la mia visione del mondo senza filtri e senza giri di parole.

Per citare i tarocchi e gli archetipi che essi rappresentano – e di cui leggerai molto spesso qui da oggi in poi – sono ad un punto zero: quello incarnato dal Matto, ovvero prima del principio. Là dove tutto è in potenza. Si comincia!