I tarocchi sul “Piano Umano”

I tarocchi sono un viaggio simbolico verso la realizzazione del proprio potenziale e la comprensione del proprio inconscio: si parte con i bagagli ingombranti del Matto per arrivare, nudi e senza inutili fardelli, all’essenzialità e all’armonia del Mondo.

Proprio perché indicano varie tappe di un percorso, gli Arcani Maggiori possono essere suddivisi e disposti su tre piani diversi: su ciascuno di questi piani sono presenti sette carte, lasciando fuori il Matto che non ha un numero di riferimento.

Ho deciso di condividere su questo blog alcuni appunti e spunti di osservazione derivanti dallo studio dei tarocchi, perché li ritengo uno strumento indispensabile per decifrare la complessità dell’animo umano. Oggi voglio parlare del primo livello dei tarocchi, che possiamo definire il “Piano Umano”.

Di questo livello fanno parte:

I – Il Bagatto

II – La Papessa

III – L’Imperatrice

IIII* – L’Imperatore

V – Il Papa

VI – L’Innamorato

VII – Il Carro

*Ricordo che nei tarocchi la numerazione romana è modificata per non essere mai sottrattiva, quindi al posto del IV o del IX ci sono IIII o VIIII.

Cosa hanno in comune i primi sette Arcani Maggiori?

Innanzitutto mostrano delle figure umane che – pur modellate sulla la società occidentale del Medioevo – fanno riferimento a simboli presenti in tutte le civiltà. Il Papa, l’Innamorato e il Carro raffigurano anche gruppi di persone.

Si tratta di personaggi che dal punto di vista iconografico incarnano uno status, un ruolo nella società o una forma di potere. Infatti possiedono oggetti che aiutano a identificarli chiaramente (scettri, mitre, bacchette, arnesi da lavoro, carri trionfanti).

Il “Piano Umano”, come dicevo, rappresenta la prima fase del percorso: inizia con il Bagatto, che tiene sul tavolo gli strumenti di lavoro per esaminarli e per capire cos’ha a sua disposizione. La Papessa, nel silenzio dell’isolamento e dello studio, raccoglie tutte le informazioni che le servono per dar vita al suo nuovo progetto.

L’Imperatrice è l’esplosione della forza creativa, l’impeto adolescenziale che si manifesta senza freni. L’Imperatore è la presa di coscienza dei propri poteri e mezzi, ovvero ciò che permette ai sogni e alle aspirazioni dell’Imperatrice di concretizzarsi.

Segue il Papa, ovvero il saggio che unisce il potere spirituale al potere temporale dell’Imperatore. Il Papa (pontifex) regna ma – al contempo – costruisce un ponte verso qualcosa che è al di là, verso un ideale che ispira. È seguito dall’Innamorato, una figura che rappresenta la scelta di cuore, quella che facciamo per amore di noi stessi, e indica il coraggio per intraprendere la propria strada.

Chiude il “Piano Umano” la carta del Carro, una figura vittoriosa e trionfante che è riuscita ad agire in modo efficace nel mondo raggiungendo un successo che tutti possono testimoniare.

Si chiude così il primo livello. Prossimamente approfondirò quello successivo, ovvero il “Piano dell’Iniziato”.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.