Ogni tanto fa bene rivedere questa breve intervista. Giusto per ricordarci che cinquant’anni fa eravamo più avanti di oggi.