Perché le nonne regalano pigiami e mutande

Quando ero piccola le mie nonne mi regalavano sempre pigiami, mutandine e calzini in occasione del mio compleanno. A voi succedeva lo stesso? Mi sono sempre chiesta il motivo e ho capito solo oggi perché lo facevano.

La storia della filosofia ci insegna che l’evoluzione del pensiero non si misura in base alle quantità delle risposte che l’uomo riesce a dare agli interrogativi che si pone, bensì in base alla qualità delle domande che tormentano le sue notti.

Le nonne – creature straordinarie che si avviano verso il tramonto della vita – hanno vissuto abbastanza da sapere quali sono le domande fondamentali:

«Hai mangiato?»

«Senti freddo/caldo?»

«Hai dormito abbastanza?»

Alle nonne, inoltre, non importa come ti vesti e quali accessori all’ultima moda indossi: ciò che interessa loro è il livello di adeguatezza del tuo abbigliamento intimo da giorno e da notte.

Perché una volta gettate via le nostre maschere pirandelliane e dismessi gli abiti della finzione quotidiana, nel momento preciso in cui mettiamo a nudo la nostra vera identità e riveliamo la fragilità umana che ci contraddistingue, ciò che conta davvero è che indossiamo delle mutande pulite. Pulite come la nostra anima.

Le nonne sanno cos’è l’essenziale: un buon pranzo, un cappotto per tenersi al caldo, una mutanda pulita e – possibilmente – andare a letto presto.

Ah… e trovarsi il fidanzato o la fidanzata, naturalmente.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.