Nietzsche e l’invidia

Il ressentiment – termine francese con cui il filosofo Friedrich Nietzsche definisce l’invidia nella sua Genealogia della morale – è l’ostilità che le masse provano di fronte al concetto di bene che per secoli è stato incarnato dall’aristocrazia colta e facoltosa che le governava. Questo bene corrisponde di fatto al bello e si identifica con l’armonia, la ricchezza, il piacere, il potere, la fama, l’intelletto e la libertà sessuale. Per Nietzsche l’invidia del gregge (altro modo in cui definisce le masse) non è che l’espressione della propria frustrazione rispetto a qualcosa che desidera ma non può avere.

Quando il Cristianesimo irrompe sulla scena della Storia, permette a quelle masse invidiose di vendicarsi impugnando l’unica arma che possono permettersi: quella del senso di colpa. Il Cristianesimo ribalta la scala dei valori ed etichetta come negativi tutti quelli che il mondo classico considerava dei modelli positivi. Il bene viene quindi a identificarsi con la povertà, la castità, il perdono, la rinuncia, l’innocenza (intesa come semplicità intellettuale) e la modestia.

Per Nietzsche la maturità dell’uomo si manifesta quando ammette la forza del ressentiment e la propria inferiorità senza attribuire la causa della sofferenza del suo ego a un capro espiatorio.

In questo video il concetto viene illustrato in maniera semplice ma efficace:

Mi sembra un tema molto attuale e credo che il pensiero di Nietzsche possa offrire diversi spunti di riflessione.

Attenzione: per vedere il video potrebbe essere necessario fare login su YouTube e confermare la propria età (è un obbligo imposto dalle regole della community della piattaforma per questo specifico contenuto).

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.