Il libro dei ricordi smarriti

Mi sono imbattuta in questo Tweet e mi ha emozionata. Mio nonno è deceduto tre anni fa dopo aver trascorso gli ultimi anni della sua vita convivendo con l’Alzheimer. La perdita della propria identità non è paragonabile a nessuna malattia: equivale ad una condanna ingiusta. L’iniziativa del nonno di questa giovane ragazza è una delle cose più dolci che io abbia mai visto. Anche io mi sono commossa.

4 pensieri riguardo “Il libro dei ricordi smarriti

  1. Per questo motivo, da quando un anno fa è nato mio figlio, sto cominciando a scrivere per lui un piccolo diario quotidiano, su carta, delle piccole cose di ogni giorno.
    Trovare il tempo per farlo è dura … ma spero per lui ne varrà la pena quando lo rileggerà.

      1. Foto e video ci sono … uso Day One per il mio diletto personale, e sui social mio e di mia moglie ci sono alcune sue foto, ma mancano le connessioni tra quelle e quello che gli scrivo.
        Una parte di me vorrebbe avere il tempo per un merge tra il diario cartaceo e quello che raccolgo su Day One. Forse qualche scatto dovrei stamparlo e incollarlo nelle pagine. È una cosa a cui sto pensando nei micro-ritagli di tempo.
        Perché se c’è una cosa che un figlio fa è assorbirti al 1000%, e spesso la stanchezza pare vincere sulla voglia di fare. Vedremo!

      2. L’importante è provarci! Se anche non riesci tutti i giorni, fa niente. Sono certa che ne vale la pena. Un applauso alle buone intenzioni ☺️✌️

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.